Indietro

ⓘ Fokker S.I




Fokker S.I
                                     

ⓘ Fokker S.I

Il Fokker S.I era un aereo da addestramento sviluppato dallazienda aeronautica olandese Fokker verso la fine degli anni dieci del XX secolo, e rimasto allo stadio di prototipo.

                                     

1. Storia del progetto

Poco prima della fine della prima guerra mondiale il progettista della Fokker, ingegnere Reinhold Platz progettò un aereo da addestramento basico che fu designato V.43. Si trattava di un monoplano con ala a parasole, dotato di una cabina di pilotaggio aperta con due posti affiancati per lallievo pilota e listruttore. Il velivolo fu equipaggiato con un propulsore in linea Mercedes-Benz a 6 cilindri della potenza di 75 CV.

Il prototipo andò in volo per la prima volta a Schwerin allinizio del 1919, nelle mani del pilota collaudatore Adolf Parge, e fu poi trasferito nel nuovo stabilimento di Schiphol, ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, al fine di evitarne la confisca da parte degli Alleati. Il velivolo rimase a Schiphol fino a quando non fu distrutto dal pilota collaudatore Emil Meinecke nellottobre del 1921 mentre tentava un atterraggio di emergenza.

Anthony Fokker ripropose il velivolo sul mercato dellesportazione con la sigla S.I, e nonostante le buone caratteristiche dimostrate, vennero costruiti solo tre aerei equipaggiati con propulsore rotativo Le Rhône da 80 hp 60 kW, di cui due furono esportati in Unione Sovietica e un terzo s/n 68576 negli Stati Uniti dAmerica. LUnited States Army Air Service lo sottopose a valutazione presso la McCook Field Engineering Division. Dotato di motore Curtiss OX-5 da 90 hp 67 kW fu designato TW-4, ma non ottenne alcun ordine di produzione. Laereo venne radiato il 5 novembre 1923.