Indietro

ⓘ Kiribati




Kiribati
                                     

ⓘ Kiribati

Le Kiribati sono uno stato insulare dellOceania di circa 110 000 abitanti con capitale Tarawa Sud. Sono una repubblica presidenziale e lattuale presidente è Taneti Mamau. Le lingue ufficiali sono inglese e gilbertese.

Kiribati pronunciato Kìribas, è la grafia in gilbertese dellinglese Gilberts diminutivo corrente di Gilbert Islands. Infatti nella lingua gilbertese i suoni dellalfabeto latino G, L e S sono scritti K, R e TI, le sillabe sono necessariamente aperte.

                                     

1. Bandiera

La bandiera delle Kiribati è una delle poche in Oceania a non raffigurare lUnion Jack britannica. A sfondo rosso, la bandiera raffigura il sole levante che sorge dal mare e getta 17 raggi, le 16 isole Gilbert e Banaba. Sopra il sole è disegnata una Fregata minor in lingua locale te eitei.

                                     

2. Storia

Abitate da più di duemila anni da un popolo micronesiano, in contatto saltuario con i samoani, "scoperte" abbastanza tardivamente dagli esploratori europei Ferdinando Magellano sembra aver visto lisola Carolina, nelle Sporadi equatoriali durante il primo giro del mondo, erano popolate da almeno mille anni quando furono riscoperte. Erano, per lo più, democrazie dove la legge e la giustizia erano decise in comune nelle maneaba "case comuni" - con la sola eccezione, abbastanza recente, di qualche isola del nord dove cerano piccoli regni in formazione, come a Butaritari. Butaritari e la vicina Makin sono battezzate isole del Buen Viaje da Pedro Fernandes de Queirós nel 1606. Devono il proprio nome di isole Gilbert in francese allammiraglio Adam Johann von Krusenstern un estone al servizio dello Zar che le battezzò con il nome del capitano Thomas Gilbert, che insieme con il capitano John Marshall, le attraversò nel loro viaggio tra Botany Bay futura Sydney e Canton Cina.

Fu il capitano francese Louis Isidore Duperrey che le mise insieme sulla stessa mappa nel 1820, confermando il nome datogli da Krusenstern. Nel 1892, il Regno Unito mise sotto il proprio protettorato le sedici isole Gilbert le otto isole Ellice alle quale aggiunse a poco a poco Ocean, Fanning e Washington 1901, Christmas 1919 le isole della Fenice 1937. Diventarono una colonia britannica nel 1916 isole Gilbert e Ellice e la sua popolazione, negli anni 20, assieme agli abitanti di Vanuatu lavorò nelle miniere di fosfati a Nauru a circa 700 km da Tarawa, quando il neozelandese Albert Ellis scoprì la ricchezza di fosfati purissimi, formatisi dal contatto tra il guano degli uccelli e il corallo. La Seconda guerra mondiale fu scenario di battaglie tra gli Alleati e lesercito giapponese che perse circa 4000 uomini. Nel 1971 ottennero lautonomia interna. Tra il 1916 e il 1925 e ufficialmente fino al 1948, le isole Union ora chiamate Tokelau fecero anchesse parte di questa colonia.

Nel 1978, lindipendenza fu concessa dapprima alle isole Ellice, separate dalle Gilbert dal 1975, con il nuovo nome di Tuvalu otto isole. Lindipendenza totale fu concessa alle Kiribati poco dopo, il 12 luglio 1979, 90 anni esatti dopo larrivo di Robert Louis Stevenson in quelle isole.

Sono membro delle Nazioni Unite dal 1999.

                                     

2.1. Storia Morfologia

Nel mezzo del Pacifico, a cavallo dellEquatore e della linea di cambiamento di data, le isole Kiribati pronuncia: ki-ri-bas comprendono 33 isole tutte atolli, con la sola eccezione di Banaba, disperse su una zona marittima di circa 3 550 000 km² e spartite in tre arcipelaghi assai distanti tra loro arcipelago Gilbert, arcipelago della Fenice e Sporadi equatoriali. Solo 21 di queste isole sono abitate in modo permanente.

Le Kiribati comprendono tre arcipelaghi:

  • le isole della Linea o Sporadi equatoriali, a circa 3 300 km a est delle isole Gilbert - e a circa 2 000 km a sud delle Hawaii e 2 000 km a nord delle isole della Società ;
  • e unisola vulcanica isolata Banaba, 6.29 km² - questultima era nota come isola di guano, battezzata "Ocean Island" lo sfruttamento dei giacimenti di fosfati è finito nel 1979, anno dellindipendenza.
  • le isole Gilbert 16 isole, 279.23 km², a 1 500 km a nord delle Figi;
  • le isole della Fenice, a circa 1 800 km a sud-est delle isole Gilbert;

Le isole sono:

  • Isole Gilbert: Abaiang, Abemama, Aranuka, Arorae, Banaba, Beru, Butaritari, Kuria, Little Makin, Maiana, Marakei, Nikunau, Nonouti, Onotoa, Tabiteuea, Tamana e Tarawa.
  • Isole della Fenice: Birnie, Kanton o Canton, o Abariringa, Enderbury, Manra o Sydney, McKean, Nikumaroro o Gardner, Orona o Hull, Rawaki o Phoenix, scogliera Winslow. Soltanto Canton è abitata da una cinquantina di residenti e Orona, soltanto dal 2001.
  • Sporadi equatoriali o isole della Linea equatoriale: Carolina o isola del Millennio, battezzata così nel 2000 per essere la prima terra dove si è alzato il sole del III millennio, scoglio di Filippo, Flint, Christmas o isola Kiritimati, il più vecchio e il più grande atollo terrestre, Malden, Starbuck, Tabuaeran o Fanning, Teraina o Washington, isola Vostok. Soltanto le isole Christmas, Fanning e Washington sono abitate.

Quasi tutte le isole, ad eccezione di Banaba, sono atolli che affiorano di poco sopra il livello del mare. Questo risulta in scarsa vegetazione e presenta difficoltà per lagricoltura, limitata, per lo più, alla raccolta della copra, del karewe linfa fresca dellalbero di cocco e del taro locale Cyrtosperma chamissonis.



                                     

3. Popolazione

Gli abitanti sono detti in italiano Gilbertesi in lingua gilbertese, "I-Kiribati". Sono in forte crescita demografica e superano di poco i 103 000 abitanti 2010, Kiribati Census. Le densità sono fra le più elevate nel mondo non urbanizzato, soprattutto a Betio e a Tarawa Sud, sullatollo di Tarawa.

La popolazione presenta importanti problemi a livello sanitario: si ha infatti tra i più alti tassi di persone sovrappeso del mondo, stimato in oltre l’81% della popolazione. Diffusi sono anche problemi legati alla presenza endemica dellHIV.

                                     

3.1. Popolazione Religione

Il Cristianesimo è la religione principale del paese. La maggioranza dei cristiani è cattolica 55.8% dellintera popolazione, riunita nella diocesi di Tarawa e Nauru, mentre la Chiesa Protestante di Kiribati congregazionalista costituisce oltre un terzo della popolazione. Ci sono anche i Mormoni circa il 5% e viene professata pure la fede baháí, seguita soprattutto a Tarawa e Kiritimati meno del 4%.

  • Cristiani
  • Cattolici: 55.8%
  • Mormoni: 5% circa
  • Altri cristiani e altre religioni: 35.3
  • Fede bahai: > 4%
                                     

3.2. Popolazione Lingue

Mentre linglese è la lingua della costituzione e delle leggi, il kiribati o gilbertese gilbertin in francese e gilbertese in inglese è la lingua vernacolare. Tra gli abitanti, nonostante a scuola si insegni intensamente linglese, si preferisce utilizzare la lingua locale.

Il gilbertese è una lingua austronesiana, sottogruppo micronesiano. La lingua discende dal Proto-oceanico ed è parificata allinglese dalla costituzione del 1979. Una tenue minoranza parla anche il tuvaluano i discendenti degli abitanti delle isole Ellice rimasti dopo la separazione da Tuvalu nel 1976. Il gilbertese è ugualmente parlato nelle Tuvalu sullatollo Nui, nelle Figi isola Rabi e nelle isole Salomone, così come dai numerosi emigrati in Nuova Zelanda e negli Stati Uniti dAmerica Hawaii.

                                     

4. Ordinamento dello stato

Il parlamento delle Kiribati, che si chiama in gilbertese Maneaba ni Maungatabu "casa comune della montagna sacra", è eletto ogni quattro anni e si compone di 42 deputati regime parlamentare. Un deputato, non eletto, vi rappresenta la comunità di Banaba, confinata sullisola Rabi nelle isole Figi dal 1945. L"Attorney general" è anche membro del parlamento. Il Presidente si chiama te Beretitenti "il presidente" in gilbertese ed è sia il capo dello Stato che del Governo. È eletto, con il suffragio universale diretto, dopo che il parlamento sceglie tre o quattro candidati fra i nuovi parlamentari eletti. Non può esercitare più di tre mandati. Lattuale presidente è Taneti Mamau, in carica dall11 marzo 2016.

Ognuna delle 21 isole abitate ha un consiglio che cura gli affari locali. Latollo di Tarawa, dove si trova la capitale Tarawa Sud e la maggior parte del governo, ha tre comunità urbane distinte: Betio Town Council, BTC, Tarawa Sud Teinainano Urban Council, TUC, Tarawa-Nord Tarawa Ieta. Il ministero del gruppo delle isole Sporadi equatoriali in inglese, Line Islands e dellarcipelago della Fenice Phoenix si trova a London, sullisola Christmas o Kiritimati, a più di 3 000 km da Tarawa.



                                     

4.1. Ordinamento dello stato Suddivisione amministrativa e capoluoghi

Kiribati, in base alla Costituzione, non ha vere e proprie suddivisioni amministrative.

Le isole abitate 21 sono le seguenti:

                                     

4.2. Ordinamento dello stato Città principali

La città principale, nonché capitale, è Bairiki Tarawa Sud, sullisola Tarawa, mentre la seconda città è Deras, sempre su Tarawa, che sorge su un antico complesso indigeno.

                                     

5. Economia

Le Kiribati hanno poche risorse naturali. I depositi di fosfati sono stati utilizzati prima dellindipendenza. La copra e la pesca rappresentano 2003 la maggior parte sia della produzione, sia dellesportazione. Fra i prodotti di esportazione, notabili i pesci dacquario. Di recente 2003 si sono sviluppate le crociere dalle Hawaii alle Kiribati atollo di Fanning.

Leconomia ha fortemente fluttuato questi ultimi anni. Lo sviluppo economico è limitato per mancanza di lavoratori qualificati eccetto i marinai, educati al Marine Training Centre di Betio e molto ricercati in Germania e in USA, la debolezza dellinfrastruttura e la distanza dei mercati internazionali. La maggior parte degli introiti provengono dai diritti di pesca pagati dallUnione europea, dalla Corea e da Taiwan.

Resta alto il tasso di disoccupazione: nei villaggi, si pratica per lo più attività di sussistenza, come la pesca le quotidiane faccende domestiche.

Per la maggior parte della popolazione, la carne è ancora un prodotto alimentare dai prezzi proibitivi, a causa degli alti costi per limportazione, proveniente principalmente dalla Nuova Zelanda.



                                     

5.1. Economia Turismo

Il turismo fornisce più di un quinto del Prodotto Nazionale Lordo. Gli aiuti finanziari esterni, provenienti in gran parte dal Regno Unito e dal Giappone, hanno negli ultimi anni apportato fra il 25% e il 50% del prodotto nazionale lordo.

                                     

5.2. Economia Trasporti

I collegamenti aerei internazionali sono divenuti problematici soprattutto dopo che Air Kiribati ha rinunciato al suo solo aereo capace di raggiungere Figi e Tuvalu un ATR-72 franco-italiano e al suo solo charter un Boeing 737, per cui al collegamento principale provvedeva lAloha Airlines, che in aprile 2004 aveva un collegamento settimanale, ormai sospeso e rimpiazzato da uno scalo settimanale di Air Pacific, anchesso sospeso, sulla rotta da Honolulu a Nadi Figi su Christmas. Il collegamento da Tarawa al resto del mondo è attualmente coperto da Air Marshall Islands, da Majuro e da lex Air Nauru - quando il suo unico aereo non era sotto sequestro. Air Kiribati mantiene soltanto i collegamenti interni fra le isole Gilbert meno Banaba con piccoli velivoli.

A Kiribati non ci sono ferrovie: gli unici mezzi di spostamento sono i mezzi su gomma, soprattutto moto e piccoli camion. Lautomobile si trova soprattutto nella capitale, nel resto della nazione è pressoché assente. È molto comune luso di canoe tradizionali te wa, tra le più veloci al mondo.

Non esiste il concetto geografico di destra e sinistra: per spostarsi, si utilizza in lingua locale la "direzione mare" e la "direzione laguna".

                                     

6. Ambiente

Diverse parti del territorio sono totalmente/parzialmente protette: ad esempio è stata creata una riserva naturale di 410 500 km² la più grande al mondo chiamata PIPA Phoenix Islands Protected Area, 2008. Parti di Christmas sono protette riserve.

Larcipelago era a cavallo del meridiano del cambiamento di data 180°, cosicché in previsione del passaggio allanno 2000, le autorità decisero nel 1997 di cambiare il fuso orario prima la repubblica era tagliata in due e viveva su due date simultaneamente, il che non era sempre pratico per gli abitanti e il governo. Oltre ad essere i primi ad abbandonare lanno 1999, gli abitanti delle isole Gilbert Kiribati furono dunque i primi a entrare nel 2000 con lesattezza questo avvenne sullisola Carolina diventata Millennium Island, e poi, lanno seguente, nel nuovo secolo e nel nuovo millennio. Oggi dunque lintero Stato ha un fuso orario di GMT+12 pari a quello della Nuova Zelanda e non esiste lora legale. È comunque da notare che la Christmas Island, sempre appartenente alle Kiribati, è due ore più avanti rispetto al resto del paese cioè a GMT+14 ed è ufficialmente il posto dove inizia, prima di tutto il resto del mondo, un nuovo giorno. A ruota seguono le Chatham Islands, appartenenti alla Nuova Zelanda, che registrano GMT+13.45 ma solo quando viene aggiunta lora legale nel periodo ottobre-marzo. Seguono quindi le isole Tonga a GMT+13 tutto lanno: qui non si applica lora legale. A GMT+13 si trova anche la Nuova Zelanda nel periodo estivo.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...